Pioggia

7009
Cade la pioggia…
Sussurra parole silenziose
in un viaggio dentro l’anima…
Rivivono immagini
nel suo lento cadere…
E sono pavimenti di muschio
fra ruderi
di un vecchio monastero…
Nel silenzio
la pioggia scava
profondi solchi.
Consuma la terra
come una lacrima
solca il cuore…
Cadono mille gocce…
E sono mille vite
in una storia
come mille voci
in uno sguardo…
Silenzi padroni di parole…

 

Colomba bianca

Immagine6

Ritmiche
ali al vento,
sprazzi di luce
per osservatore
accorto…
Attimo immenso
nel fulminio
del tempo…
Sogno profondo
e purezza
sconfinata
per colei che
al mondo
nulla chiede…

Maria Stella Bruno
da “Clessidre Notturne”, Edizioni Il Pavone I
ebook 3,99€

http://www.amazon.it/Clessidre-Notturne-Maria-Stella-Bruno-ebook/dp/B00JCYKSWK/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1416549539&sr=8-1&keywords=clessidre+notturne

Biscotti della bisnonna (Pignolata)

Questa è una ricetta che proviene direttamente dal ricettario della mia bisnonna. Lei era solita chiamarla “Pignolata”, anche se nella tradizione siciliana il dolce associato a questo nome è ben altro. Comunque, vi assicuro, i biscotti della mia bisnonna sono davvero ottimi!

La mia infanzia è molto legata a questi dolci. Ricordo quando aiutavo mia madre a farli. Ora li preparo da sola, senza neanche più il bisogno di pesare gli ingredienti, a “occhio” ^_^

E’ una ricetta facile e gustosa, da assaporare sia fredda che appena sfornata… Unica cosa da tenere a mente: mai cuocere i biscotti al forno… diventano di pietra!!! 😄 … Ahhhahh… Capito, mamma?

63865_483399941680759_941389588_n Ingredienti:

  • 1 kg di Farina
  • 1 bicchierino di anice
  • 3/4 uova
  • 500/600 gr di Zucchero
  • 100 gr di Burro
  • olio di semi di girasole
  • zucchero a velo q.b.

Mettete il burro in una pentolina e fatelo ammollare a fuoco dolce, facendo attenzione che non annerisca. Intanto mettete in una terrina la farina da aprire a “fontana”. Aggiungete le uova, lo zucchero, il burro fuso e l’anice. Impastate e lavorate bene, fino ad ottenere un panetto compatto. Per vedere se la pasta è pronta, la mia bisnonna raccomandava di tagliarla al centro e guardare se si forma un “occhio”, ovvero tipo delle bolle d’aria… A quel punto la pasta può essere divisa in filoncini che dovranno essere tagliati in pezzettino della larghezza preferita. Gli si può dare anche la forma di fiocchetti o ciambelline… L’importante è che siano su per giù della stessa grandezza. Friggere il tutto in abbondante olio di semi fino a dargli una colorazione dorata. Infine spolverizzare i dolcini di zucchero a velo…

Buon appetito!