Scorgo cavalli rampanti

528815_10150701020956373_159046991372_9795452_1330123207_n

Aspettando nell’attimo
sempre uguale,
osservo sprazzi di sole
in un mare di tempesta.
Scorgo cavalli rampanti
scolpiti in un muro di nubi.
Ammiro il diradarsi dell’ombra
nella speranza di nuovi venti.
Nel ciclico scorrere del tempo,
credo al mutare degli eventi
ora che il momento
è giunto.
L’uragano passa…
Forse…

M.S. Bruno

Annunci

Mantidi dorate

Mantidi dorate
si inchinano al sole,
come frammenti di stelle,
lanciati lungo
la curvatura del firmamento
infinito,
baciano l’orizzonte di pietra.
E sono lacrime di fuoco,
ombre di specchi,
attimi immortali
nel fuggire del tempo.
Figure di mistero
nel divenire del mondo.
Eleganti gioielli
incastonati in uno scudo.
Solo fantasie
in fondo,
ma contrasti d’anima…

M.S. Bruno

Profondità marine

Lacrime di deserto
in fondali di fuoco.
Oceani bagnati d’incanto
nelle lucenti pinne
di esseri sinuosi.
Danzano nelle profondità
marine
anime di vento e sole,
mentre rami rosei
e morbide alghe
occhieggiano
nel liquido di cobalto.
Ovattato mondo
di finta, placida tranquillità,
attiri il mio sguardo
e richiami il mio cuore,
promettendo di mettere pace
nel profondo di me…
M.S. Bruno

Solitudine nel tempo

banner-1240822_960_720

Voci lontane
come isole di mare
nel deserto.
Strade perdute
ritrovate
nel sole di mezzogiorno.
E voleranno le rondini
componendo
nuove sinfonie…
Saremo
protagonisti
di un’invisibile
eclissi…
Ed è solitudine
nel tempo.

M.S. Bruno,

da “Clessidre Notturne”

Colomba bianca, #poesia di M.S.Bruno

11bhi4x

Ritmiche
ali al vento,
sprazzi di luce
per osservatore
accorto…
Attimo immenso
nel fulminio
del tempo…
Sogno profondo
e purezza
sconfinata
per colei che
al mondo
nulla chiede…

M.S. Bruno,

da “Clessidre Notturne”

Pensieri come aquile dorate, #poesia di M.S.Bruno

Aquila_tramonto

Volano i pensieri
come aquile dorate.
Nuotano fra scaglie
lucenti
nel brivido del buio.
Corrono nel verde
frondoso di spighe
ancora acerbe.
Oziano al bianco
chiarore del bacio
di luna.

M.S. Bruno,

da “Clessidre Notturne”

 

Implacabile signore

caso_destino-e1347973013965

Naviganti
di nuove speranze,
desiderosi
di non far parte
di memorie dimenticate,
fummo soli
in pianure sconfinate…
Sopra noi
il cielo immenso,
come giudice supremo
di azioni
mai compiute…
Fummo sabotatori
di normalità,
eremiti da realtà
convenzionali,
solitari giochi di luce
e niente più…
Implacabile signore,
il destino,
che tutto pretende
e niente da…

Poesia di  M.S. Bruno,

da “Clessidre Notturne”

Ombra, #poesia di M.S.Bruno

SONY DSC

Era ombra,
nebbia nel cielo,
aria irreale
nel fluttuare
di immensi orizzonti
chiusi
da orme passate…
Ponti di pietra
su valli scoscese…
Avvitamenti
di luci lontane
come gocce
di arcobaleno.
Lacrime di libertà
nell’assoluto
dell’esistere…

Poesia di  M.S. Bruno,

da “Clessidre Notturne”

“Difesa Estrema” di R.Bavastrelli – #Recensione / #Prefazione

 

“Difesa Estrema” è la storia di un lui e di una lei e, appunto, di un’estrema difesa.
Una difesa contro gli alieni che minacciano il Mondo, ma anche vissuta personalmente e con sofferenza dai protagonisti. Un romanzo a “due voci” e due tempi, scritti ovvero dall’autrice in momenti diversi della propria vita. La storia in principio era intitolata nella sua totalità “La Base della Baia” e trattava nella prima parte (ora dal titolo “Difesa Estrema”) solo di Dana e del suo punto di vista. Una vicenda a una sola “dimensione” che, pur mostrando un lato umano e affettivo ben complesso, mancava ancora di qualcosa. Anni dopo l’autrice, che intanto aveva continuato a narrare delle gesta dei due protagonisti Dana ed Edward, decide quindi di riprendere quella prima parte per aggiungere un’altra “voce”. Nasce così, potremmo dire, un secondo romanzo parallelo al primo poiché sono trattati i medesimi argomenti, ma esposti in maniera diversa, in quanto diverso il protagonista narrante… Edward è più sintetico, logico, per lui hanno maggior impatto differenti avvenimenti, mentre altri non lasciano che poche tracce. Il suo punto di vista però è certamente più avventuroso di quello di Dana, forse più duro e cinico.
Dopo un difficile lavoro di revisione dell’autrice e della sottoscritta, “Difesa Estrema” è un romanzo che nasce dall’unione di queste due dimensioni differenti, quella di Dana e quella di Edward, creando un singolare percorso a due. Le loro voci narrative si accompagnano secondo il personale modo di vedere, si accavallano a volte ed infine spesso si susseguono o esprimono, in maniera quasi parallela, la loro storia. Un unico contesto il loro, un contesto particolare, essendo entrambi militari dell’Esercito Terrestre impegnato in una lotta contro invasori di altri pianeti.
Un esercito la cui base è celata nelle viscere di un lungo e vasto promontorio che si estende sul mar di Cornovaglia. Sono migliaia di uomini e donne dall’agire misterioso, la cui esistenza è ignorata dagli abitanti della Terra, ma che ogni giorno e ogni notte rischiano la vita e muoiono per la salvezza del pianeta. Lontanissima la distanza che separa gerarchicamente i due protagonisti: Edward è un giovane comandante, con poteri quasi assoluti nell’ambito di un’Organizzazione difensiva, persino indipendente dal potere politico dei governanti. Dana è soltanto uno dei suoi numerosi ufficiali alle prime esperienze. Un fortuito incidente li farà incontrare e scontrare cambiandosi reciprocamente la vita per sempre…

M.S.Bruno

Cercalo QUI