Scheda libro: VENTUS MIRABILIS, #raccolta di #racconti

Titolo: VENTUS MIRABILIS

Autore: M.S.Bruno

Data di pubblicazione: 28 Maggio 2017

Formato: e-book (Formato Kindle)

Prezzo: 0,99€

Link d’acquisto: https://www.amazon.it/dp/B072PWD89Y

Descrizione: 

“Ventus Mirabilis è una raccolta di miei racconti. Un vento fantastico, appunto, che unisce le nove storie, alcune di mistero e introspezione, altre ironiche, folli o semplicemente malinconiche che comunque vogliono narrare un “attimo”, un avvenimento, lungo o breve, ma che lascia emozione. Non tutti i racconti sono inediti, perché già stati presentati sui social media o nei blog, ma qui vengono da me riproposti corretti e, in alcuni casi, completamente stravolti per offrire al lettore la migliore versione di essi. Ma sia che vogliate perdervi in un bicchiere di scotch o cercare di vedere il vento, scrutare nella nebbia, prendere un autobus o inseguire un cane, sappiate che non tutto è così semplice come appare. L’imprevisto, l’assurdo o il meraviglioso si celano in ogni cosa… Quindi, vi auguro buona lettura! Fatevi rapire da Ventus Mirabilis…”
– M.S. Bruno

Racconti:
– Un bicchiere di scotch
– Il Medico e il Cane
– Vedere il vento…
– La casa sulla collina boscosa
– Nebbia
– La rosa rossa dal lungo stelo
– La corsa diabolica
– Malinconiche Ortensie
– Ventus Mirabilis

Estratto:

“A un certo punto della vita c’è chi si trova in una foresta buia conscio di aver perso la via giusta, c’è chi invece non se ne accorge nemmeno, non si fa domande o magari la via non riesce più neanche a vederla… Io? Io mi ritrovo in un bar. Sì, un bar. Non è originale, è una cosa già vista, infinitamente meno poetica, ma, si sa, sono figlio dei miei tempi. Ci si deve rassegnare.

Osservo il bicchiere che ho in mano e il liquido scuro al suo interno. Non ricordo di aver ordinato niente, ma perché dovrebbe aver un senso l’aver ordinato oppure no, non ricordo neanche di essere entrato qui… Mando giù l’alcolico senza pensarci. Scotch, ne riconosco il sapore. Mi guardo finalmente intorno. Non c’è quasi nessuno, solo ombre senza contorno che confabulano a tavoli lontani. Sono seduto al banco, uno di quei lunghi banchi di bar con gli sgabelli alti dal cuscino rotondo. Ho davanti a me, dall’altra parte del bancone, scansie ricolme di liquori e, dietro di essi, vi è uno specchio, simile per colore al liquido che avevo avuto nel bicchiere. Intravedo il mio riflesso. Comincio ad avere qualche ciocca bianca fra i capelli neri, ma non mi considero vecchio. Sono un uomo ancora abbastanza giovane, mi convinco. Ritorno a osservare il locale anziché il mio volto magro e affilato. L’aria è un po’ quella di un film, un vecchio film, con la musica di pianobar in sottofondo e il barista pronto ad ascoltare i tuoi problemi. Ma qui non c’è un barista, mi dico, ma un attimo dopo mi devo ricredere. Mi dà le spalle. Pulisce boccali. Poi si volge, afferra una bottiglia e riempie nuovamente il mio bicchiere.

Il mio barista è un uomo senza volto, sì, letteralmente. Non ha naso, occhi, labbra, gli mancano persino le orecchie. Sembra un manichino con una semplice parrucca stopposa in testa, uno di quei manichini da crashtest bardati a festa. Tipico, penso, colui che dovrebbe ascoltare i miei problemi non ha un volto, non ha parvenza umana, empatia che traspari dai suoi lineamenti, non ha neanche le orecchie per sentirmi. Sorseggio questa volta il mio scotch e sorrido amaro fra me considerando…” da “UN BICCHIERE DI SCOTCH” 

Scheda libro: LE TERRE DEGLI INGANNI, #romanzo #EpicFantasy

Titolo: LE TERRE DEGLI INGANNI (L’Occhio del Veggente Vol. II)

Autore: M.S.Bruno

Data di pubblicazione: 2 Aprile 2017

Formato: e-book (Formato Kindle)

Prezzo: 2,99€

Link d’acquisto: https://www.amazon.it/dp/B06XZBPG6V

Descrizione: 

Le vicende della vita hanno separato Alwaid e Xaver, ma nelle Terre del Vento, luogo originario dei loro genitori naturali, sono destinati a rincontrarsi. Seguendo le proprie visioni, il veggente Alwaid giungerà lì con l’intento di sventare i piani delle spie dell’Impero Laindar. Destreggiandosi fra intrighi e attentati, in uno scambio di ruoli, Alwaid si farà passare per il fratello Xaver, già conosciuto in quelle Terre, per compiere la sua missione. Xaver, intanto, in fuga dalla spietata prigione Laindar, chiamata Eremo, in cui era stato imprigionato ingiustamente, dovrà guidare un gruppo di disperati entro i confini del regno dell’Epsterio, dove saranno al sicuro. Ed entrambi i gemelli scopriranno quanto lunghi siano i tentacoli dell’infido Impero Laindar che non mira soltanto al controllo delle Terre del Vento, ma a creare uno spiraglio nelle difese dell’Epsterio. Le visioni di Alwaid e l’ardimento di Xaver potranno impedire l’infrangersi di una tregua sofferta ottenuta dopo più di vent’anni di guerra? E soprattutto Xaver riuscirà a proteggere il gemello dagli intenti del temibile “SenzaNome”?

Estratti (sparsi):

“Il sole tramontava oltre il crinale. La baia era placida. Le barche da pesca erano cullate dal tenue sciabordio delle onde, mentre il villaggio cominciava ad assaporare la pace della notte imminente. Le case di quel paesello erano poche, tutte umili, tutte strette intorno al guardiano di marmo che era una silenziosa presenza vigile. I fieri lineamenti, consumati dalle intemperie, si volgevano al cielo, mentre il braccio destro indicava il mare. Forse lo ammoniva, forse lo benediceva… Il corpo perfetto riluceva nella sua nudità di rosa e arancio, sotto l’occhio dell’astro morente. A pensarci, era strano che un’opera di quella fattura si trovasse in un simile luogo, ma spiccavano un po’ ovunque là intorno ruderi di una città più antica. E la superba statua apparteneva a quel passato. Il villaggio di pescatori non aveva un nome, mentre la città un tempo era chiamata Haletas.

La mente dell’uomo dai sorprendenti occhi verdi, però, era ben lontana dall’ammirare il panorama. Con fare stizzito, egli si scostò dal volto una ciocca di capelli sfuggiti dal cappuccio del suo mantello. Lunghi e scuri, lisci come aghi di pino, questi erano mossi dalla brezza, quasi fossero vivi, quasi fossero un’ulteriore beffa al suo aspettare… E Athas, il “SenzaNome”, non poteva far altro che aspettare.”

*****

“Le lingue delle fiamme danzavano intorno ai ceppi, li avviluppavano in un abbraccio sensuale che tutto pretende e che, con passione, consuma. Arancio, rosso, giallo erano i colori che si alternavano davanti ai suoi occhi, mentre egli perdeva il suo sguardo nel fuoco rimuginando su ciò che gli avevano appena raccontato. Xaver riguardò Fescys e subito si chiese come avesse fatto a non accorgersi delle cicatrici sul viso dell’amico. Oltre il segno trasversale di una lama nemica, adesso potevano notarsi altri piccoli segni. Erano ovunque sul suo volto e non solo. Quasi il giovane poteva immaginare le rosse formiche intente nel loro pasto… E Lohat… Chiuse gli occhi pensando a lui. Lohat morto. Gli sembrava una cosa impossibile. Quasi, con gli occhi della mente, poteva vederlo seduto dall’altra parte del bivacco, con il suo sguardo truce, il suo fare fosco e ombroso… Un capitano inflessibile e sicuro, un uomo ligio e severo, un amico fidato e prezioso… Era difficile immaginarlo freddo e immobile, perso nelle braccia della signora morte, assassinato da un gruppo di traditori che avevano mire diverse. Con gesto rabbioso s’alzò. Vi era silenzio su quella collina ed erano ormai soli, lui, Fescys e Monar. Pheis dormiva e gli uomini di guardia, Azat ed Ote inclusi, avevano raggiunto gli altri alla base del poggio. Non giungevano più canzoni né risate dal basso. Il campo era sprofondato quasi del tutto nel sonno, tranne vigili sentinelle, sotto un cielo screziato di freddi gioielli.- Se non me ne fossi andato… – cominciò.

Era arrabbiato, triste e sentiva che la colpa era tutta sua.

– Non cominciare a farti simili pensieri. – sbottò Fescys. – Non portano a nulla. Ad uccidere Lohat, a cercar di fare fuori me, non sei stato tu, ma uomini che ti volevano morto! Non sei responsabile delle azioni di chi cerca di ucciderti. Sarebbe assurdo! –”

Scheda libro: “Spietati Confronti” di Rosalba Bavastrelli

libro-spietatiTitolo: SPIETATI CONFRONTI (“La Base della Baia” Vol.III)

Autore: Rosalba Bavastrelli

Data di pubblicazione: 5 Dicembre 2016

Formato: e-book (Formato Kindle)

Prezzo: 2,99€

Link d’acquisto: https://www.amazon.it/dp/B01N1OV6MR

Descrizione:

Futuro. L’umanità è sempre più proiettata nello spazio e la Difesa Terrestre ormai non si limita ad aspettare le mosse aliene: ogni giorno sbriciola sempre di più le certezze dell’Impero Sark che ambisce ancora alla Terra. E tutto ciò lo si deve all’audace temerarietà di Edward Shelton e alla sua guida. Anche la sua vita sembra proiettata verso un futuro di serena stabilità, ma il ritorno di Dana, sua moglie, nei ranghi dell’Esercito rischierà di cambiare ogni cosa. Fra missioni e pericoli, l’amore che lega Dana ed Edward sarà messo a dura prova, rischiando di spezzarsi. Davanti a scelte impossibili e spietate, come reagiranno? La logica dell’azione vincerà sulla profondità dei loro sentimenti?

 

Intervista all’autrice: “Navigare” nel fantasioso per una professoressa – Intervista a Rosalba Bavastrelli

Contatti: Pagina Facebook

Estratti (sparsi):

“Da quasi due anni avevo lasciato l’Esercito della Difesa Astrale: il capitano Dana Mayer non esisteva più. Una legge ingiusta imponeva nel nostro ambiente di scegliere tra il matrimonio ed il lavoro. La scelta in verità non doveva essere per forza mia, ma io non avevo sposato un collega qualsiasi, mio marito era … il comandante di tutti noi, Edward Shelton! Non ero certo pentita della mia decisione, anche se le lunghe attese avevano spesso riempito i miei occhi di lacrime. Ma c’era una guerra, come c’è tutt’ora, oltre i confini del nostro Sistema, ed io per prima sapevo quanto mio marito fosse importante per i suoi…
Lillian compiva un anno quel giorno. Avevo pettinato con cura i suoi biondi capelli, “chiari come la luna”, come diceva la nonna, da cui la nostra bambina aveva avuto il nome… I capelli di suo padre, ricci però come i miei. Un regalo fattomi dalla natura, perché per tutto il resto, Lillian Shelton è uguale ad Edward Shelton, nell’azzurro degli occhi e sempre più nei tratti del volto. Una bambina bellissima, che forse, da grande, erediterà anche il fascino del padre e, chissà, magari lo spirito di ribellione della mamma… La ribellione mai domata che sentivo dentro di me quel giorno!”

*****

“Mi fu affidata la custodia momentanea di una prigioniera, un’umanoide Sark, il cui fisico resisteva immune nella nostra atmosfera da abbastanza tempo per destare preoccupazioni. Significava che i nemici erano finalmente riusciti a produrre quelle immunizzazioni necessarie al loro sopravvivere sulla Terra. I miei compiti si limitavano a soprintendere alla guardia degli “alloggi schermati”, operata da semplici soldati, ma era pur sempre un incarico che non amavo.
Nimi, questo era il nome dell’aliena, era all’apparenza in tutto e per tutto, uguale ad una terrestre, e il suo carattere, fuori dai momenti di inevitabile depressione, era paziente e dolce.
Fu a causa di Nimi che rividi mio marito dopo altri sedici giorni, e fu a causa sua che pagai un amaro scotto …
Gli alloggi schermati erano apparentemente come quelli di noi ufficiali, per nulla simili alle tradizionali carceri, se non nella invisibile parete schermata che ovviamente impediva, col suo campo di forza, che la si oltrepassasse. Avevo scoperto che Nimi, così silenziosa sempre, con me pronunciava qualche parola. Il ruolo da lei ricoperto nell’esercito Sark doveva essere stato di ben poco conto: Nimi era una semplice pedina, un piccolissimo, trascurabile aggeggio nel complesso e mostruoso meccanismo dell’impero Sark. L’avevano immunizzata e spedita all’avventura, verso le terribili armi dei Terrestri perché vi incontrasse la morte o servisse ad un possibile trapianto sulla Terra. Nimi non era più un nemico, ma solo un’infelice e provavo una certa simpatia per lei. Sapevo che era proibito ai soldati e agli ufficiali, che non ne avessero l’autorizzazione, di scambiare frasi con gli alieni prigionieri. Lo sapevo, ma Nimi quella mattina mi chiamò, attraverso lo schermo sonorizzato della sua prigione.” – Dana

*****

“Bisognava dimenticarlo l’uomo dai capelli color della luna, l’inafferrabile condottiero delle stelle… Dimenticarlo, anche se la sua ombra s’insinuava morbida, silenziosa e inattesa a ricoprire il mio cuore, ad occupare i miei pensieri, silenziosa e inattesa come il suo passo da felino… Troppo distante, nel suo gelido fuoco, l’uomo di sogno non mi apparteneva più, non mi era mai appartenuto…”

*****

“L’esercito terrestre di Sicurezza Astrale allungava le sue rotte sicure e tracciava le sue vie tra i pianeti del Sole, contrastava il nemico ai limiti del suo stesso impero, s’insinuava, temerario e beffardo, a sfidare gli alieni in guerre corsare sui tanti pianeti impraticabili, entro il controllo dei Sark. In due anni il comandante dei Terrestri aveva condotto i suoi uomini oltre l’insperabile, aveva tolto la paura dai cuori, e guardava ai Sark, dal suo Sistema, con la lucida consapevolezza della propria forza, con la costante, minacciosa presenza di una uguale, bellicosa potenza.
Quell’uomo, che era diventato leggendario tra la sua gente e tra i nemici, era fatto di carne e ossa, era giovane e indicibilmente attraente… Era mio marito.”

*****

“M’inerpicai, senza averlo deciso, su per le strade che conducevano all’altipiano, sorvolai, su alti, audacissimi ponti, lanciati come nastri fantastici nel cielo, due megalopoli… poi giunsi in un posto così silenzioso e solitario che mi parve bellissimo, e fermai…
Era poco dopo il tramonto: il sole non aveva lasciato dietro di sé colori accesi. L’azzurro si faceva strisce dorate ad occidente, ed il bruno delle rocce dietro cui esso moriva, creava un contrasto piacevole alla vista e, chissà come, al cuore. Era un luogo un po’selvaggio, quasi del tutto privo di vegetazione, c’era solo qualche alberello semi inaridito, che fremeva ai venti della sera… Mi stavo avvicinando al deserto. Scesi dall’auto e m’accoccolai sull’erba rada. Là, mentre in cielo comparivano le stelle, scoppiai in singhiozzi lunghi, disperati, affannati, i lamenti di una bestiola che muore…” Dana

Scheda libro: “L’Erede Perduto”, un romanzo tra avventura, mistero e… profezie

libro-leredeTitolo: L’EREDE PERDUTO (L’Occhio del Veggente Vol. I)

Autore: M.S.Bruno

Data di pubblicazione: 11 Novembre 2016

Formato: e-book (Formato Kindle)

Prezzo: 2,99€

Link d’acquisto: https://www.amazon.it/dp/B01MA697B5

Descrizione: 

La guerra tra l’Epsterio e l’Impero Laindar imperversa ormai da decenni, ma la vita di Xaver e Alwaid procede abbastanza tranquillamente. Sono gemelli identici nell’aspetto, ma hanno diversi caratteri e aspirazioni. Xaver è socievole, impetuoso e ambisce a farsi una reputazione nelle fila militari della sua città, Ghoi. Alwaid invece è più pacato, introverso e vuole soltanto poter sposare la ragazza che ama, malgrado egli custodisca un prezioso segreto: possiede infatti il dono di prevedere alcuni eventi futuri. Nessuno dei due fratelli conosce la verità sulle proprie origini, ma l’arrivo di guerrieri dalle Terre del Vento nella loro sicura Ghoi, sconvolgerà per sempre le loro vite, separandoli. Tra agguati, inganni, misteriose visioni e mirabolanti avventure, Alwaid e Xaver saranno proiettati nel mondo per scoprire la verità sul loro passato, intrecciato alle pericolose mire di un uomo “SenzaNome” e alla complessa politica delle Terre del Vento, minata da spie e traditori.

Seconda Edizione

Estratti (sparsi):

“Mentre il crepuscolo scivolava sul mondo come leggero velo ombrato dopo il rosso gioco del sole morente, i pensieri di Alwaid si susseguivano gli uni agli altri senza un ordine preciso. Ma ogni sua riflessione, ogni domanda si incentrava sempre su quel “dono” che egli non sentiva tale, sulla sofferenza che imperniava la sua esistenza da quando si era reso conto che ciò che vedeva in quei sogni ad occhi aperti era solito avverarsi. E non era qualcosa che egli sapesse controllare né provocare. Un gesto, un contatto, persino una parola detta magari per caso potevano causare quelle “visioni” che lo estraniavano dal momento presente per proiettarlo in una realtà futura a percepire i medesimi sentimenti di chi si trovava ad osservare. Era dolore e terrore ciò che egli condivideva, la maggior parte delle volte, con i protagonisti di quelle sconvolgenti anticipazioni su eventi futuri. Era come una finestra le cui imposte non si chiudevano mai, sempre socchiuse, pronte a spalancarsi alla prima brezza o alla tempesta più violenta con uguale facilità. Alwaid avrebbe volentieri sbarrato quella finestra per dedicarsi alla sua vita di ragazzo normale. Per questo molte volte si era trovato ad invidiare il fratello che trascorreva le sue giornate con spensierata tranquillità, giocando con altri della stessa età, mentre egli ricercava la solitudine sperando così di non avere quegli incubi destinati ad avverarsi. Così aveva cominciato a rifugiarsi nella grande biblioteca della sua città e, giorno dopo giorno, un nuovo mondo si era aperto davanti ai suoi occhi, un mondo fatto di conoscenza che lo estraniava da tutto.
Ultimamente però qualcosa stava cambiando. Stava crescendo e con lui anche la sua capacità si faceva più forte.”

*****

“Il lucido metallo delle spade rifulgeva in un mattino inondato di sole. Il clangore delle armi, che si incontravano e si disimpegnavano, riempiva il piccolo cortile in mattoni. Lo spazio antistante il palazzo-fortezza del conte di Ghoi era occupato da due duellanti, e il loro esercizio attirava di sovente lo sguardo delle sentinelle sui muri di cinta.”

*****

“Il vento portò con sé, in un nuovo soffio, i gemiti di chi riusciva a piangere sul feretro di lei, ma Alwaid non versava più lacrima. Solo tristezza riempiva i suoi occhi resi più grandi dal dolore. Osservava le luci delle torce e sapeva che avrebbe dovuto essere fra loro, a salutarla, a rendere grazie di averla conosciuta, ma non poteva… L’ultimo addio non poteva avvenire a quel modo, di fronte a tutti, di fronte a chi non sapeva che sulle sue spalle gravava il peso di non averla salvata… Ed imprecò nuovamente su ciò che poteva definirsi dono e maledizione. Strinse i pugni, fermo nella sua decisione. Sarebbe tornato in quei luoghi solo quando il suo “dono” sarebbe stato tanto forte da far sì che egli potesse sconfiggere il destino avverso di chi gli stava intorno, solo quando sarebbe riuscito a controllarlo. Così si girò, oppose le spalle ai fuochi e al loro triste compito e si incamminò, ma la corrente trascinò con sé, prima che egli sparisse fra le ombre avvolgenti della notte, un giglio bianco, ultimo saluto ad un giovane amore spezzato.”

*****

“Era sceso un attimo di gelo fra i presenti, come se la fredda mano della morte avesse già posato il suo palmo su di loro. Poi, qualcuno rise, spezzando il momento e a quelle risate se ne aggiunsero altre. Marfak si rilassò un poco. Però non tutti erano increduli. Alcuni si guardavano intorno, quasi fossero sul punto di scappare. Fu improvvisamente chiaro al capo dei banditi che l’unità del suo gruppo era in serio pericolo ed egli non poteva permetterlo. Aveva un’unica opportunità per impedire che la sua banda subisse le manovre di una ragazzina e non se la sarebbe fatta scappare. Con fulmineo gesto, approfittando dell’attimo di confusione fra increduli e spaventati, sfoderò la sua lama ricurva e si mosse verso l’indovina, deciso a recidere il problema alla radice…”

*****

“Pelle di Leopardo era seduta in disparte, all’ombra di una grossa tenda in broccato giallo cupo. Le sue piccole gambe tendevano a dolerle se stava molto tempo in piedi e poi era troppo nervosa per sopportare tutte le chiacchiere, i pettegolezzi, i giochi di potere e le astuzie che i membri di quella sorta di democrazia erano soliti fare prima di ogni riunione. Come nelle Città Libere, ognuno in quella stanza, uomo o donna che fosse, eccetto naturalmente chi aspettava un giudizio o era in attesa di approvazione, poteva esprimere il suo parere. Ognuno era uguale all’altro, senza alcuna distinzione di sorta… Sì, rise amara fra sé Sarin, sulla pergamena era scritto proprio così. Vergato con mano ferma, quello scritto ingiallito, che doveva essere legge, adesso era incorniciato come un bell’ornamento sul muro proprio di fronte a lei, ma nessuno sembrava più farci caso. Persino Sarin lo notava solo adesso dopo tanto. In verità, nel mettere in pratica i decreti di coloro che scrissero quella pergamena, c’era sempre chi, avendo più sostegno, aveva anche maggiore rilievo nelle decisioni da prendere, quindi maggiore potere, e Blikav, guarda caso, era uno di questi… Era stata lei a far sì che raggiungesse quella posizione, lei lo aveva iniziato a quel mondo e lo aveva aiutato a capire le dinamiche sotterranee di quella società segreta… L’amarezza nel suo cuore aumentò… Persino in quel momento, molti in quel salone lo stavano attendendo, per chiedergli favori, aiuto per affari pericolosi o solo per ottenere maggiore potere in quella sede, e Blikav, lei lo sapeva bene, li avrebbe ascoltati tutti, solo per volgere ogni cosa a suo favore. Aveva imparato persino questo da lei. Pelle di Leopardo era stata proprio un’ottima maestra, e alla fine, come spesso accade, l’allievo l’aveva superata. Sarin adesso aveva perso in favore di lui molto del suo antico prestigio. Se n’era resa conto proprio quel mattino. Aveva cercato di ristabilire vecchie alleanze, riscuotere antichi favori, per scoprire che Blikav le aveva fatto terra bruciata intorno. Sicuramente presto non avrebbe avuto più bisogno di lei e l’avrebbe lasciata. Così scopriva di essere stata come cieca. La perenne lusinga che Blikav sembrava porgerle era bastata per nutrire la sua cecità. Ma il velo che celava la realtà ai suoi occhi era caduto… Ora vedeva, e avrebbe lottato.”

Scheda libro: “L’Offensiva della Pantera” di Rosalba Bavastrelli


libro-loffensivaTitolo:
 L’OFFENSIVA DELLA PANTERA (“La Base della Baia” Vol.II)

Autore: Rosalba Bavastrelli

Data di pubblicazione: 9 Ottobre 2016

Formato: e-book (Formato Kindle)

Prezzo: 2,99€

Link d’acquisto: https://www.amazon.it/dp/B01LZDDQ1Y

Descrizione: 

Futuro. La Terra è tecnologicamente avanzata. Possiede mezzi e conoscenze tali da poter perlustrare lo spazio, ma soprattutto la possibilità di difendersi da pericolose intelligenze che mirano alla conquista. Edward Shelton è il comandante indiscusso, adorato e temuto, della Difesa Terrestre e capisce che ormai non è più tempo di subire passivamente la prepotenza aliena. Decide così di passare al contrattacco. Seguendo in prima persona piani astuti quanto spericolati, farà assaggiare ai nemici la tempra dei terrestri, mentre nella sua vita di tutti i giorni, nei brevi momenti di quiete, assaporerà il calore di nuovi affetti. Ma l’uomo che credeva di non poter amare riuscirà a restare il capo inflessibile, duro e spietato di un tempo, lucido al punto da rischiare tranquillamente la morte? O l’avere una famiglia frenerà la sua sete d’avventura e rischio? Queste le domande che egli stesso si porrà, trovando forse anche delle risposte…

Recensione

“Mi chiamo Edward Shelton”, così inizia “L’Offensiva della Pantera”, secondo capitolo della saga “La Base della Baia”, e il protagonista assoluto di questo romanzo è proprio lui, il comandante della Difesa Terrestre. In prima persona, col suo stile conciso, logico, ma non privo di umanità, il giovane racconta delle sue avventure tra le stelle e in famiglia… Gli ingredienti di questo romanzo sono gli stessi del precedente (“Difesa Estrema”), un sapiente mix di fantascienza, azione e sentimento, solo che questa volta Edward è l’unica voce narrante, dato che Dana ha lasciato l’esercito. Ma le novità non riguardano solo questo! Mentre nel primo l’umanità restava sulla difensiva contro invasori misteriosi e sconosciuti, in questo romanzo lo scontro si sposta nello spazio alieno e molti segreti vengono svelati. Ed avrà il suo da fare a conciliare le strabilianti avventure “corsare” fra pianeti gassosi e astrocaccia nemici con la vita quotidiana, semplice e nuova per lui, che sta costruendo con la donna che ama… I suoi timori infatti non sono rivolti solo a quell’impero nemico che ambisce alla Terra, ma alla propria capacità di restare il comandante di sempre, razionale e spietato se necessario… Naturalmente solo leggendo si potrà scoprire se Edward è realmente cambiato, ma il romanzo si conclude con nuove possibilità e prospettive che probabilmente porteranno nel prossimo volume a nuovi interessanti sviluppi tra le stelle e… non solo!

M.S. Bruno

Intervista all’autrice: “Navigare” nel fantasioso per una professoressa – Intervista a Rosalba Bavastrelli

Contatti: Pagina Facebook

Estratti (sparsi):

“Mi chiamo Edward Shelton. Ho ventisette anni. Sono il Comandante dell’Esercito Spaziale che tutela la Terra dagli attacchi degli alieni. E sono… il marito di Dana. Un ufficiale abbastanza indisciplinato, il capitano Dana Mayer, il più grazioso impasto di impulsività ribelle e dedizione che mi sia capitato di conoscere. Adesso è a casa della nonna ad attendermi. Vi è stata confinata da una delle più odiate leggi della nostra Organizzazione, quella che impone, sostanzialmente alla donna, di lasciare il servizio in caso di matrimonio con un collega. Me ne sono innamorato al di là di ogni mia previsione e assolutamente contro la mia volontà, cosa questa che ha creato nel passato molto recente non pochi problemi… Me ne sono innamorato profondamente, tanto da pensarla fin troppo e da averne una costante nostalgia quando le sono lontano, a volte anche per mesi…
Quel pomeriggio sapevo di poter uscire dalla Base, celata nelle viscere della roccia di un vasto promontorio, proteso sul mare di Cornovaglia. I nemici erano stati più volte respinti negli ultimi giorni ed avevamo ottenuto parecchie informazioni utili dai prigionieri caduti nelle nostre mani. C’era un certo clima di festosa soddisfazione tra i miei alti ufficiali, i quali non facevano che congratularsi a vicenda degli esiti positivi delle nostre ultime missioni, nello studio K, dietro la cui scrivania stavo pigramente ad osservarli con la speranza che se ne andassero presto…Il mio silenzio durava da troppo tempo perché non se ne accorgessero…”

****

Gli alieni tornarono non molto dopo. Le loro astronavi trapassarono più volte i gas di Chroma, cercandoci fuori e dentro l’atmosfera del pianeta, invano. Eludemmo la loro caccia divertendoci come ragazzi. Sir Francis sarebbe stato fiero di noi… Sentivo la mia nave docile e veloce al tocco delle mie dita. Ci calammo nel cratere di un vulcano spento sulla superficie di Chroma, e da lì restammo in agguato di nuove prede…che non si fecero attendere. Rare volte ci scambiammo i segnali con Mattei, e furono anche rare le volte in cui il colonnello dovette intervenire a stroncare la fuga di qualche nave aliena, scampata al nostro controllo. Per quattro mesi seminammo il terrore tra le astronavi che rasentavano l’orbita di Chroma per dirigersi verso la Terra. Conoscevamo sulla superficie del pianeta parecchi utili rifugi e vari sistemi per sfuggire al nemico. Perfettamente sicuri e padroni di noi stessi e dei nostri mezzi, eravamo coscienti di rasentare l’incredibile, con l’orgoglio di condurre vittoriosamente ciò che non era mai stato tentato prima, ma ugualmente coscienti che non sarebbe stato possibile continuare a sfidare gli alieni ancora a lungo, in quel luogo tanto vicino alla loro casa…

Scheda libro: “Nuova Era”, romanzo di fantascienza

libro-nuovaTitolo: NUOVA ERA

Autore: M.S.Bruno

Data di pubblicazione: 8 Settembre 2016

Formato: e-book (Formato Kindle) /cartaceo

Prezzo: 2,99€ / 8,00€

Link d’acquisto: https://www.amazon.it/dp/B01LT9GUHW

Descrizione: 

Nuova Era è un pianeta, freddo quasi in ogni momento dell’anno, ostile sempre nei suoi eccessi, nelle sue creature, nei suoi segreti. L’umanità vive in 350 insediamenti, rinchiusa dietro recinzioni elettrificate. È finita l’Epoca della Conquista e lontana è la Terra che sembra aver abbandonato i suoi coloni.
Danmar è nato su Nuova Era, ma non riesce ad adattarsi a pieno in una società settoriale, rigida e classista, improntata solo alla sopravvivenza della comunità. Vive nel piccolo campo 213 e, indagando su di un insolito incidente causato dai pericolosi e letali Tamyan, incontrerà l’affascinante ricercatrice Zohya. La donna, dalle conoscenze e tecnologie avanzate, fa parte della misteriosa Corporazione ed ha l’incarico di studiare le creature del pianeta come i Tamyan, senza interferire nella vita dei coloni. Ordine quest’ultimo che ella si troverà ad infrangere. Insieme, Danmar e Zohya, scopriranno tradimenti e dinamiche nascoste all’interno del 213, ma anche un pericolo più grande che minaccia l’esistenza di ogni essere vivente.
Mentre strani eventi sconvolgeranno la superficie del pianeta e il panico dilagherà fra i coloni, i due impareranno a conoscersi e a fidarsi l’uno dell’altra. Mettendo in gioco le loro vite, lotteranno contro uomini ed eventi per scoprire le oscure trame che interessano il pianeta Nuova Era. Fra disparità sociali, brame di possesso e politiche sottili, Danmar e Zohya incontreranno una variegata umanità che tale resta, nel bene e nel male, anche lontana anni luce dalla Terra…

Book Trailer

Estratti (sparsi):

cap. I
“Il terzo sole stava tramontando e le poche ore di buio, quattro in tutto, sarebbero scese con velocità inesorabile. Il vento si era alzato in raffiche sferzanti, come ogni volta al calare della notte, portando con sé neve ghiacciata, ma il veicolo procedeva indomito fra le bianche dune rese ora rossastre dal riverbero della luce.
– Dannazione. Accelera, Adam! – proruppe l’uomo anziano che fissava lo scorrere del paesaggio sempre uguale dal finestrino del passeggero della grossa jeep. Sembrava nervoso, continuando a tormentare, con mano fremente, la corta barba ispida che cresceva sulle ampie mascelle.
– Che mi venisse un accidenti! – continuò volgendo il suo grosso naso ed i suoi occhi grifagni al guidatore – Ma che hai oggi? Ti si è rammollito il piede? Schiaccia quell’acceleratore! –
– Calmati! Faccio quello che posso… Non ci vedo niente con questa neve. Poi seguire la bussola non è uno scherzo mentre si guida. Se tu mi aiutassi sarebbe diverso. – replicò l’altro.
Il vecchio sbuffò ma convenne con il suo giovane interlocutore, quindi guardò il piccolo schermo a cristalli liquidi posizionato vicino al cruscotto e lesse le cifre riportate, le loro attuali coordinate e quelle del Campo più vicino, loro meta. Secondo lo strumento, definito amichevolmente bussola, avevano deviato di poco dal giusto percorso.
– Va’ verso sinistra … Sì, così, bene. – l’uomo anziano si sistemò meglio sul sedile, bofonchiò e riprese a parlare, mentre la jeep proseguiva la sua corsa in quella che era ormai diventato quasi un turbinare di neve portata dal vento.
– Scusami, Adam – Il giovane guidatore, che cominciava ad avere solo ora la prima vera ombra di barba, sorrise leggermente a quelle parole, tenendo sempre però gli occhi su ciò che poteva apparirgli innanzi all’improvviso – Questo sole mi fa effetto, specialmente quando tramonta. – continuò il vecchio – È così piccolo e rosso da sembrare una pallina da ping-pong nel cielo, eppure basta a rendere tutti noi delle creature rossastre senza nessun altro colore … e al tramonto è pure peggio! -“

****

“Si alzò dalla sedia per sgranchire un po’ le gambe sotto il portico. Era solo, non aveva nessuna ospite in casa per quella notte. L’ultima sua fiamma lo aveva lasciato dicendogli di volere “qualcosa di più serio” e naturalmente non da lui. Strano, pensava Danmar, lui faceva tutto sempre sul serio, anche stare con lei, ma aveva ormai la fama del cattivo ragazzo, quindi doveva attenercisi senza soffrirne troppo. Sorrise, quel sorriso ampio e affascinante che piaceva tanto alle ragazze, ma che era ormai una maschera del suo disagio verso quella vita. Poi scrollando il capo, cercando di cacciar via i suoi cupi pensieri, decise di rientrare in casa e provare a dormire. Fu allora che si accorse di qualcosa di strano presso le recinzioni esterne.”

****

“Adam urlò, poiché adesso era riuscito anche lui a scorgerla. E l’aveva riconosciuta. Nera, dagli arti lunghi, quasi grotteschi, l’ombra, come quella di uomo su di un muro, sembrava non possedere spessore né espressione, ma amare storie raccontavano che un ghigno di sangue compariva là dove doveva esserci il viso, quando la vittima designata era stata trovata. Ad Adam sembrò che quel sorriso fosse comparso proprio per lui. Fu così che, senza sapere come, il veicolo perse aderenza e sbandò, rovinò da un lato fendendo cumuli di neve, mentre il vento continuava a sferzare tutto intorno a loro.”

****

“Momenti. Momenti di luce e buio. Un susseguirsi di coscienza e incoscienza, di volti sconosciuti, di parole che non capiva. Passava da attimi in cui non sapeva dove si trovasse, persino chi fosse, ad altri in cui ricadeva nell’incubo di un’incognita senza nome, di un inferno che cadeva nel buio infinito. E c’era qualcuno con lui in quell’incubo. Lo affrontavano insieme, cercando una soluzione, un modo per sopravvivere, però poi tornava solo, immobile in un luogo diverso. La costante era il dolore. Ma il dolore dell’incubo era diverso, più intimo, impregnato di un senso di fine e di rimpianto, mentre l’altro dolore, quello del risveglio, era fisico, ineluttabile, totale. Non seppe per quanto tempo fosse rimasto così, in bilico, seppe soltanto che d’un tratto aveva di nuovo coscienza di sé, di chi fosse, qualcosa di quello che era successo… Tutta la sua vita era un mosaico a cui però mancavano ancora dei pezzi.”

****

“La mente di Zohya correva febbrilmente fra pensiero e pensiero, cercando, ricordando ogni minimo brandello di ciò che conosceva sulla razza di quella creatura. I punti di forza erano chiari, ma quali erano i punti deboli? Danmar le si era messo davanti con fare protettivo, però ella non aveva il tempo per soffermarsi sul gesto di lui. Ricordò i segni delle operazioni subite e le cicatrici notate sul Tamyan e capì che, per quanto il dottore avesse dimostrato di essere uno scienziato di talento, anche se sconsiderato, non poteva aver usato strumenti eccezionali per i suoi esperimenti. Quindi se la pistola sonica non funzionava, forse le lame avrebbero potuto scalfire quella pelle dura. Avvicinarsi però sarebbe stata una follia… Allora cosa restava? Si chiedeva. Restava il vapore… Il caldo aveva avuto sull’essere una reazione decisa. La donna si guardò intorno in cerca di risorse, di ispirazione o quant’altro che potesse salvarli, ma il laboratorio era mezzo sfasciato, con scintille ovunque, e sembrava silenzioso e vuoto come ora la sua mente. Si sentì sola, come se non peggio, nei mesi passati nella landa ghiacciata. Malgrado la sua istruzione, il suo addestramento, mentre il Tamyan trascinava i lunghi arti verso di loro, avanzando col suo sorriso di sangue, senza il Lhatif, Zohya cominciò a provare qualcosa di insinuante, di infido… Paura, capì. No, si disse, panico. Stava cedendo al panico ed era la prima volta. Fu un momento sconvolgente per lei, perché la sua mente razionale era quasi inerme di fronte al mostro nero che avanzava anche dentro il suo io. Si sentì perduta e fu allora che Danmar le afferrò la mano. La strinse, mentre teneva sotto tiro inutilmente il Tamyan con la pistola. Anche lui aveva paura, anche lui sapeva che c’era ben poco che avrebbero potuto fare contro l’essere, eppure resisteva. Non si arrendeva. Quel senso di solitudine si disciolse e piano Zohya ricominciò a pensare, mentre ricambiava la stretta dell’uomo. Respirò profondamente. Vide e seppe cosa dovevano tentare.”

Scheda libro: “Difesa Estrema” di Rosalba Bavastrelli

libro-difesaTitolo: DIFESA ESTREMA (“La Base della Baia” Vol.I)

Autore: Rosalba Bavastrelli

Data di pubblicazione: 3 Agosto 2016

Formato: e-book (Formato Kindle)

Prezzo: 2,99€

Link d’acquisto: https://www.amazon.it/dp/B01JD9J2ZW

Descrizione: 

In un futuro tecnologicamente avanzato, il mondo è riappacificato sotto un unico Consiglio globale. Lontane sono le guerre fratricide e l’umanità è libera di prosperare. Ma questo senso di sicurezza è un’illusione ben elaborata. Nell’ombra e nel segreto, la Difesa Spaziale vigila e combatte forze aliene, crudeli intelletti o esseri brutali, che minacciano di conquistare la Terra. L’esercito terrestre è costituito da uomini e donne che studiano, lottano e muoiono nel tentativo di frenare questa infida avanzata. Dana Mayer è un tenente, un pilota, uno fra tanti, ma soprattutto è una donna appassionata e sensibile, in cerca di una propria dimensione. Edward Shelton è il suo capo, il comandante dell’intero esercito, il più giovane e determinato mai stato in carica. È duro, logico, intelligente, anche spietato. I loro mondi sono agli antipodi, anche se fanno parte della medesima organizzazione. Non sarebbero destinati ad incontrarsi se un atto di insubordinazione di lei non li mettesse a confronto. Un incontro il loro che muterà molte cose sullo sfondo di una guerra senza tregua con nemici sconosciuti e diversi…

Prefazione

“Difesa Estrema” è la storia di un lui e di una lei e, appunto, di una estrema difesa.

Una difesa contro gli alieni che minacciano la Terra, ma anche vissuta personalmente e con sofferenza dai protagonisti. Un romanzo a “due voci” dunque, due voci e due tempi, scritti ovvero dall’autrice in due momenti diversi della propria vita. La storia è intitolata nella sua totalità “La Base della Baia” e trattava, nella prima parte (ora dal titolo “Difesa Estrema”) solo di Dana e del suo punto di vista. Una vicenda ad una sola “dimensione” che, pur mostrando un lato umano e affettivo ben complesso, mancava ancora di qualcosa. Anni dopo l’autrice, che intanto aveva continuato a narrare delle gesta di Dana ed Edward, i due protagonisti, decide di riprendere quella prima parte per aggiungere un’altra “voce”. Nasce così, potremmo dire, un secondo romanzo parallelo al primo poiché sono trattati i medesimi argomenti, ma esposti in maniera diversa, in quanto diverso il protagonista narrante… Edward è più sintetico, logico, per lui hanno maggior impatto differenti avvenimenti, mentre altri non lasciano che poche tracce. Il suo punto di vista però è certamente più avventuroso di quello di Dana e forse più duro e cinico.

“Difesa Estrema” è il romanzo che nasce, dopo un difficile lavoro di revisione dell’autrice e della sottoscritta, dall’unione di queste due dimensioni differenti, quella di Dana e quella di Edward, creando un singolare percorso a due, dove le loro voci narrative si accompagnano, secondo il personale modo di vedere, si accavallano a volte, a volte si susseguono o esprimono, in maniera quasi parallela, la loro storia. Un unico contesto il loro, un contesto particolare, essendo entrambi militari dell’Esercito Terrestre impegnato in una lotta contro invasori di altri pianeti.

Un esercito la cui base è celata nelle viscere di un lungo e vasto promontorio che si estende sul mar di Cornovaglia. Sono migliaia di uomini e donne dall’agire misterioso, la cui esistenza è ignorata dagli abitanti della Terra, ma che ogni giorno e ogni notte rischiano la vita e muoiono per la salvezza del pianeta. Lontanissima la distanza che separa gerarchicamente i due protagonisti: Edward è il giovane comandante, con poteri quasi assoluti nell’ambito di una Organizzazione difensiva, persino indipendente dal potere politico dei governanti. Dana è soltanto uno dei suoi numerosi ufficiali alle prime esperienze. Un fortuito incidente li farà incontrare e scontrare cambiando loro reciprocamente la vita per sempre…

M.S. Bruno

Intervista all’autrice: “Navigare” nel fantasioso per una professoressa – Intervista a Rosalba Bavastrelli

Contatti: Pagina Facebook

Estratti (sparsi):

“Tutto cominciò quella volta che a 500.000 Km di quota gli gridai quel che pensavo.
Ero stremata, sconvolta, indignata oltre ogni limite: avevo visto Dick Marshall accasciarsi ferito, colpito al capo da una parte del rivestimento interno del nostro astrocaccia. Stavamo andando letteralmente a pezzi. Cercai lo sguardo di Jimmy sbigottito ed immobile alla consolle di comando, d’impulso m’accostai chinandomi alla radio e tentai d’imporre al nostro capo lontano la mia logica ribelle:
– Signore! Abbiamo due feriti a bordo e ci attaccano da ogni lato… Siamo stati colpiti e perdiamo pezzi fin dentro la cabina di comando. Come potremmo? È… assurdo! –
– Tenente Mayer… – cominciò oltre gli spazi, con gelida collera, la voce di Shelton – L’assurdo è che lei esprima pareri.-“ -Dana

****

“…Sforzandomi di non pensare troppo, pensare nella mia condizione era controproducente, mi recai sveltamente dove mi era stato indicato. Valicai gli accessi senza difficoltà, e una volta nel corridoio H, luminoso nel suo candore e assolutamente vuoto, sostai perplessa e preoccupata. Fu allora che sentii alle spalle la voce conosciuta, laconica e pungente nel suo divertito sarcasmo:
– Non si allarmi, tenente. Nessun alieno ha alterato i suoi ordini, neanche stavolta. –
Mi volsi di scatto, fremente e furibonda. Le labbra mi tremavano, volevano dire parole di cui mi sarei senz’altro pentita. Ero più che mai sconvolta, troppo convinta di una dignità che sentivo ferita e che avrei dovuto finalmente difendere.
Me lo trovai di fronte, ad un passo di distanza, alto e magnifico in quella sua morbida, sensuale bellezza, così virile e seducente in una naturale sicurezza di modi e atteggiamenti, che non potei non notare, come accadeva ogni volta, nonostante la rabbia…”-Dana

****

“Avanzai fino a lui irrigidendomi sugli attenti nel saluto. Non alzò il capo che dopo qualche istante. Aveva capelli biondi, appena mossi, che gli ricadevano in ciocche sulla fronte. Gli occhi azzurrissimi, di un azzurro denso, si sollevarono su di me penetranti. Nel suo volto intento e nei bei lineamenti c’era tutta la sicurezza di chi è abituato al comando, l’intelligenza immediata e audace di chi sa prontamente decidere. Straordinario quel fuoco intenso, fu la prima cosa che pensai… poi mi fu difficile anche pensare e restai, quasi incantata e certamente controvoglia, ad ammirarlo.
Era senz’altro un uomo fuori dal comune, dalla bellezza irrequieta, dal fascino pericoloso.
– È lei il tenente Mayer? – mi chiese.
– Sì, signore. –
Ebbe un lampo rapido, vivace e soddisfatto nello sguardo, s’abbandonò alla spalliera. Osservò deciso, lievemente canzonatore:
– Bene, tenente. Vorrei che continuasse quanto stava dicendo quando il capitano Helmer l’ha interrotta! –
Non me l’aspettavo. Mi sentii smarrire. Capivo d’essere emozionata a parlargli e capivo che l’emozione poteva perdermi.
– Mi dispiace – risposi d’impulso – So d’avere sbagliato. Le chiedo scusa. –
Ebbe un breve moto come di stupore, poi apparve divertito:
– D’altronde aveva già detto parecchio! Non crederà di cavarsela con le scuse… Indipendentemente da come si è comportata nei miei confronti, la sua azione oggettivamente può dare adito a due giudizi. –
Mi scrutò qualche istante in silenzio. Pensai di detestarlo.
– Non vuol saperli? –
– Sì, signore. –
Si alzò. Era alto, snello ed atletico, prestante. Perfetto.
Mi sfiorò passandomi accanto, si fermò.
– Insubordinazione. Ribellione punibile anche con la morte in tempo di guerra… e lei sa che siamo in guerra, una guerra con esseri che non conosciamo, una guerra quasi ad occhi chiusi! Lottiamo per respingere l’aggressore alieno che vuole impossessarsi del nostro mondo, delle nostre civiltà, delle nostre vite! –
La sua voce suonò dura, vibrante di collera controllata. Strano, mi dissi. Mi parve persino strano che fosse così in collera, ma ero stanca. La luce vivida della sala mi gravava sulle palpebre. Ero pronta a tutto, mi sentivo offesa, ferita, ma avrei sopportato tutto in una sfida silenziosa e passiva.”-Dana

****

“Mi avvicinai e le denudai il fianco, allargando i lembi strappati della sua divisa.
Avvertii con tenerezza il suo lieve tremito. La ferita non appariva seria, era un lungo taglio poco profondo, che andava però ispezionato. S’allungava su tutto l’arco perfetto del suo fianco, fin quasi a partire dalla vita.
Sentivo il suo sguardo mentre prendevo il contenitore delle medicazioni e sterilizzavo le mie mani. Ero deciso e divertito, ma piacevolmente interessato a quanto stavo facendo… e vedendo.
Poi la toccai. Dovevo accertarmi che non ci fossero corpi estranei dentro la ferita.
– Faccio male? – le sorrisi.
– No…- sussurrò con un respiro più profondo – Per niente! –
Terminai la medicazione, cercando di mantenermi impersonale e distaccato, come un medico. Fingendo di esserlo… Accidenti!
Poi, l’aiutai a sollevarsi. E non m’importò più che i miei occhi, come i suoi, parlassero… Restammo a guardarci e ci sorridemmo. Bellissima Dana, commossa e commovente nel suo candore. Attraente e calda, come una carezza sull’anima, un respiro più ampio, un respiro inebriante. I miei sensi erano accesi, e una gioia nuova e strana mi riempiva il cuore. Ed era questo il pericolo…”
Edward

Scheda libro: “Il Sigillo del Drago Infinito”, romanzo EpicFantasy

libro-il-sigillo

Titolo: IL SIGILLO DEL DRAGO INFINITO

Autore: M.S.Bruno

Data di pubblicazione: 31 Luglio 2016

Formato: e-book (Formato Kindle)

Prezzo: 2,99€

Link d’acquisto: https://www.amazon.it/dp/B01ILP80IE

Descrizione: 

In un mondo sconvolto da trame oscure di conquista e possesso, la vita di tre giovani si intreccerà a quella di un misterioso libro di profezie, un libro da leggenda talmente pericoloso da essere stato sigillato e nascosto. Così, Safav, unico sopravvissuto del suo villaggio, Ajhall, scanzonato marinaio capace di mettersi sempre nei guai, e Inoha, irruente e temerario guerriero, si ritroveranno in una lotta contro il tempo per impedire che Phalaha, detto il Corvo Nero, riesca nei suoi piani di dominio. Tra intrighi, tradimenti e complotti, Safav, Inoha e Ajhall, combatteranno perché i frammenti della chiave del Sigillo del Drago Infinito, che chiude il famoso libro di profezie nascosto nei recessi della foresta di Amixia, non cadano nelle mani del Corvo. In una girandola di colpi di scena, i tre si scontreranno con situazioni e avversari formidabili, forgiando se stessi e anche il mondo che li circonda. Uno scontro senza respiro fra chi ha ideali e chi possiede solo la brama di conquista…

Volume unico – Seconda Edizione de “I Custodi dei Frammenti” e “La Spada e il Drago”

Prefazione

È singolare la storia che si cela dietro questo romanzo. Singolare perché tutto ha avuto inizio da una mappa, sì, la stessa che potrete trovare tra queste pagine. Prima dei protagonisti, quindi, e delle loro avventure, furono immaginati i luoghi, le città, le tradizioni, persino le popolazioni e gli equilibri politici. Era solo un disegno, un gioco, uno svago. Ma, pensandoci adesso, forse il passo successivo era inevitabile. La mia fantasia ha iniziato a galoppare e la mia mente si è soffermata su un’unica vicenda e diversi personaggi che, come in un puzzle, hanno cominciato a comporre questo romanzo. Profezie, misteri, duelli, passioni, vendette erano gli elementi che mi colpivano di più nelle mie letture, quindi non è da stupirsi ritrovarli nel mio scritto. Ma se questa è la “storia” di come è iniziata la mia storia, ben altra è quella che riguarda la pubblicazione. Era il 2006 quando, col titolo “Il Drago Infinito – I custodi”, metà di queste avventure furono pubblicate per la prima volta. Un’edizione cartacea che ebbe anche dei riconoscimenti, ma che rimase senza un seguito per molto tempo. Dovetti aspettare il 2012 perché il romanzo fosse nuovamente pubblicato. Riveduto e corretto, fu riproposto come e-book col nuovo titolo più azzeccato “I Custodi dei Frammenti”. L’anno successivo toccò finalmente all’inedito seguito, “La Spada e il Drago”, ma per quanto i due volumi fossero separati, restava il fatto che essi fossero un’unica storia, non una saga. Per questo, adesso ripropongo a voi lettori entrambe le parti, riunite in un unico libro, quello che state per leggere. “Il Sigillo del Drago Infinito”, il mio primo romanzo, dopo dieci anni dalla prima pubblicazione, ritrova la sua interezza, ma si avvale della mia maggiore esperienza. Di fatti, non ho solo revisionato e riunito i due testi, ma ho tolto e aggiunto parti per poter offrire a voi lettori un’avventura più fluida, lineare, che sapesse catturarvi. Ciò che state per leggere è un viaggio nella fantasia, in un mondo medievale alternativo di uomini che amano, lottano e bramano con tutte le proprie forze. Non aspettatevi magia, esseri fatati o simili creature fantastiche, ma solo l’imprevedibile umanità che può essere più dura e cruda del più orrido degli orchi e più dolce e sensuale della fata più ammaliante. Cos’altro rimane da dire? Niente, credo. Solo augurarvi una buona lettura, ringraziandovi di essere “spettatori” della mia fantasia…

M.S. Bruno

Estratti (sparsi):

Dal principio vi era un libro, veniva chiamato la Spada dei Sette.

Scritto agli albori del tempo, era depositario di saggezza e virtù,

ma in esso erano custoditi anche grandi segreti.

Un veggente, il cui nome era Alwaid,

vi aveva inserito profezie in grado di cambiare il mondo.

Intuendone la pericolosità, i saggi della Torre GiornoStella

vi avevano apposto un sigillo, e un’unica chiave poteva aprirlo…

La formavano sette parti, ognuna delle quali fu affidata a sette cavalieri

votati alla giustizia in sette angoli diversi del mondo conosciuto.

La chiave del Sigillo del Drago Infinito, così si chiamava…

La leggenda afferma che quando la foresta di Amixia verrà profanata

e i suoi segreti infranti, il libro sarà perso e la chiave ricomposta…

e il mondo conoscerà momenti di sventura.

****

“L’uomo può aspirare a sapere il futuro, ma non può pretendere di conoscerlo sempre.”
Phalaha

****

“Aveva fatto molta strada da quando aveva lasciato le rovine del suo villaggio, aveva visto posti nuovi, conosciuto tanta gente, ma ancora capitava che la sua anima contadina si stupisse della vastità del mondo e di come si potesse cambiare nel profondo. La vita insegna, si disse.”

****

Alte le fiamme lambivano qualsiasi cosa. Nella loro danza imprevedibile guizzavano in ogni dove, distruggendo tutto ciò che si trovava sul loro cammino. Rosso e splendente, sembrava entità viva ai suoi occhi il fuoco, che con semplice e terrifico potere devastava quello che era stato suo e che conosceva da sempre… Ed egli era là, inerte di fronte a ciò che era successo. Impossibilitato dalla sorte a seguire il destino della sua gente e perfino della sua famiglia, assisteva alla distruzione di ciò che era stato il suo villaggio. Safav era un contadino, come lo erano suo padre e suo nonno, non conosceva niente del mondo, oltre il suo villaggio e il suo campo. Non immaginava che le guerre, di cui si sentiva parlare come di una favola per spaventare i bambini, potessero giungere fino al suo paese. Per la prima volta nella sua vita era andato lui, una settimana prima, a vendere nella cittadina vicina, Amir, i frutti della sua terra, ottenuti con il sudore della fronte. Ricordava con estrema precisione ogni attimo che aveva preceduto la partenza… Suo padre che alzava il braccio in segno di saluto, sua madre che gli gridava dietro le solite raccomandazioni ed Eirem, la sua futura sposa, che con un gesto semplice rimetteva a posto una ciocca di capelli ribelli che le si era spostata sul viso… Ogni particolare dava dolore e con esso cresceva anche la rabbia, l’impotenza, la frustrazione… Con amarezza pensò che non gli era stato concesso nemmeno il sollievo di poter dare una vera tomba ai suoi cari, perché i corpi erano andati bruciati nel rogo che aveva seguito il saccheggio. Nessuno si era salvato, e adesso al mondo non aveva più un volto amico. Annientato da quel dolore, cadde sulle ginocchia, e il pianto in lui nacque con il fragore di un urlo. Infine il cielo sembrò avere pietà e con le lacrime portò anche la pioggia che spense le macerie di tante, troppe, vite distrutte. E Safav pianse, ma non fu abbastanza per lenire il suo strazio. Sempre più prepotentemente si chiedeva a chi doveva tutto questo. Già, a chi? Quale signore bramoso di sangue aveva deciso le sorti dei suoi cari? Alzandosi nella pioggia ormai battente, urlò al cielo la sua disperazione e con le sue ultime forze proferì una promessa:

– Su questa terra insanguinata, giuro che non darò pace a coloro che hanno fatto questo! Niente avrà più importanza da adesso, se non il cadavere del mio nemico… a costo del mio stesso sangue! –

A conferma del suo giuramento, prese una pietra acuminata e si ferì con forza una mano. Il sangue annacquato dalla pioggia cadde nella terra già intrisa dello stesso liquido.

– Anche il mio sangue doveva essere versato con il loro! –

****

(…)era completamente assente di fronte al panorama che lo circondava e che cambiava in continuazione: prati immensi, screziati di giallo e di rosso, foreste di alberi secolari, boschi di conifere. Solo la vista delle favolose città di Aium e Chart lo strappò dai suoi pensieri. La chiatta vi giunse al tramonto e la vista di quelle città lo lasciò a bocca aperta. Famose per la loro architettura uguale al punto da sembrare l’una il riflesso dell’altra sul fiume, si stagliavano contro un cielo velato di arancio e arancione. Le case bianche sotto la luce morente del sole assumevano un colore rosato, tanto da sembrare che fossero state costruite con del quarzo rosa. Man mano che il fiume lo trasportava sempre più vicino alla città, Safav poteva carpire i segreti di mille frammenti di vita serena e prospera. Là, sulla riva di Aium, un grosso mercante elencava la qualità delle sue spezie ai passanti. Lassù su una finestra una vecchietta cuciva guardando di tanto in tanto il fiume, col fare di chi aspetti qualcuno. Una coppia di amanti ballava sulle note di un musico da strada. E risa, tante risa di bambini che giocavano col proprio cane. Quelle città, superbi gioielli, si mostravano indifese e ignare. Nessun muro a difenderle, nessuna guardia, se pur ne avessero, doveva sapere le sorti delle altre città. E improvvisamente il giovane vide con la mente la distruzione per quelle strade, le risa trasformarsi in pianti, il quieto passeggio serale in una fuga disperata. Non poteva permettere tutto questo, non poteva far passare a qualcun altro il suo stesso dolore…

****

“Phalaha rise liberando con uno strattone la propria spada – La mia volontà plasmerà un nuovo ordinamento e tutti mi seguiranno e mi ameranno –
– Sei un folle! – urlò Inoha allora con disgusto.
– Folle, dici?… Non siamo poi così diversi! Anche tu uccidi… Che differenza vuoi che faccia se io mi prendo una vita per potere o se tu ammazzi per i tuoi ideali? È sempre una vita persa, non credi? Gli ideali sono solo una maschera con cui gli ipocriti celano i sensi di colpa! –”

****

“Ajhall sembrava proprio in piena forma. Con fare sicuro gettò per l’ennesima volta i dadi e per l’ennesima volta il fervore della folla si fece più rumoroso. Ammonticchiando altre monete, Ajhall si accarezzò i baffetti rossicci e curati in un sorriso colmo di furbizia. Al contrario di quello che gli stava di fronte, egli sapeva ciò che faceva, e sapeva anche che, com’è vero che non è tutto oro quello che luccica, le sue vincite non erano tutte dovute alla fortuna… Il suo sorriso si fece più ampio e i suoi occhi blu scuro s’illuminarono beffardi, mentre lanciava ancora i dadi e senza guardarli splendere nel loro punteggio vincente, aspettava l’entusiasmo della folla per reclamare la vincita. Ajhall era un giovane uomo, ma già conosceva mille modi per barare. Aveva imparato fin da bambino a sapersela cavare fra la gente e a usare il cervello più che la spada.”
****
“La stanza in cui si trovava era piccola e grigia con un’unica finestra: un letto, un catino e una cassettiera sbilenca erano gli unici mobili. Per un attimo considerò l’ipotesi di porre la cassettiera di fronte alla porta, ma concluse che non avrebbe portato a nulla. Quegli uomini sarebbero entrati. Già riusciva a vedere uno spiraglio nella porta. Era solo una piccola apertura che però presto l’ascia, di cui poteva intravedere la lama argentea, avrebbe allargato quel tanto necessario per aprire il chiavistello che miracolosamente ancora reggeva. La finestra era l’unica possibilità. Si avventò su di essa, con la frenesia di un uomo che sa di avere la morte alle spalle e, con sollievo, riuscì ad aprirla. Un manto di nebbia avvolgeva il mondo, cancellandolo dalla vista di chi come Ajhall cercava di poter osservare cosa ci fosse oltre il cornicione… Intanto l’ascia continuava inesorabile il suo lavoro e più occhi potevano osservare oltre la fenditura che si era creata.
– Sta scappando ancora! – ringhiò una voce, e Ajhall si rese conto di non avere più tempo.
Guardò ancora nell’incognita della nebbia sottostante. Se non poteva scendere, considerò, sarebbe salito sul tetto. Con agilità, saltò sul cornicione e poi si issò sulla tettoia di tegole e fango.”
****
“GiornoStella vide il sole calare su un altro giorno d’assedio. La grande Torre, come freccia, si innalzava nel rosso di un tramonto splendido, che avvolgeva il cielo di colori caldi e bellissimi, come capelli dorati di una fata, nell’ombra ormai prossima. Non provenivano luci dalla torre, né suoni. Il silenzio irreale avvolgeva quella costruzione umana che, come monolite, sembrava non essere cavo, ma quasi un’entità senziente che, dall’alto, osservava ogni cosa con sdegno.
Tolin, mercenario di Phalaha, suo generale in quell’assedio, non sapeva più cosa fare per oltrepassare quelle solide mura e carpire i segreti di quel posto. Guardava sconsolato, come ogni sera, i suoi uomini stanchi e nervosi per gli insuccessi e la torre così inaccessibile, senza ingressi o finestre in cui entrare o arrampicarsi. Era frustrante. Era chiaro che dovevano esserci da qualche parte dei passaggi segreti, ma come trovarli? Ogni volta che sembrava loro di essere vicini a scoprirne uno, incorrevano sempre in trappole, a volte persino fatali per i suoi uomini. Anche catapulte o macchine d’assedio non erano servite, poiché, misteriosamente, di notte, prima di poter emettere alcun colpo, venivano sabotate o distrutte e la mattina seguente si trovavano le sentinelle, sempre numerose, rigorosamente addormentate. E se venivano riparate queste macchine, puntualmente, la mattina dopo erano ritrovate in pezzi. Poiché inoltre Phalaha aveva fatto sapere che non era con quei mezzi che sarebbe giunta a lui intatta la conoscenza custodita nella torre, Tolin e i suoi presto avevano rinunciato a ripararle definitivamente. Quell’assedio, ormai, si protraeva da tanto, ma gli assediati non ne risentivano, mentre loro erano sempre più demotivati e snervati. Questi erano i pensieri di Tolin. Il vecchio mercenario, dalla barba bianca lunga e folta, ma con ancora la forza e il fisico dell’uomo d’azione, fissava le tenebre che scendevano su di lui e il suo campo, immaginando che l’indomani non avrebbe presentato alcuna novità. La torre avrebbe continuato a svettare davanti a lui, imprendibile oggetto del desiderio, a perenne beffa delle sue capacità.”

Scheda libro: “Clessidre Notturne”, raccolta di poesie

libro-clessidreTitolo: CLESSIDRE NOTTURNE

Autore: M.S.Bruno

Data di pubblicazione: 1 Luglio 2016

Formato: e-book (Formato Kindle) / Cartaceo

Prezzo: 0,99€ / 4,99€

Link d’acquisto: https://www.amazon.it/dp/B01HTRXNQE

Descrizione: 
Raccolta di poesie.

Mistero ed emozione per attimi immensi. La magica seduzione del Tempo.

“Leggendo le liriche di M.S. Bruno, presenti in questa sua prima raccolta, si è trasportati in un luogo che sta a metà tra il cielo e il mondo degli uomini, da cui l’autrice attinge le immagini e le sublima, dove sole, vento, stelle, fuoco, ecc. sono lo spunto per illuminare stati d’animo contemplati nell’intreccio di parole, a volte distanti e contrapposte, nella visione, nel sogno.”

Alcune Poesie:

Scheda libro: “Il Monastero dell’Arcangelo” di Rosalba Bavastrelli

libro-il-monasteroTitolo: IL MONASTERO DELL’ARCANGELO

Autore: Rosalba Bavastrelli

Data di pubblicazione: 7 Luglio 2016

Formato: e-book (Formato Kindle) / Cartaceo

Prezzo: 2,99€ / 8,90€

Link d’acquisto: https://www.amazon.it/dp/B01I3MEA5M

Descrizione: 

Cosa celano le finestre chiuse di un apparente, tranquillo paesino nascosto fra le Alpi svizzere? Quali sono i misteri, passati e presenti, di un monastero in rovina? E che segreti nasconde lo sguardo di un lupo? Queste sono le domande che si porrà Erik, giovane architetto annoiato e confuso dalla vita, che per sfida si ritroverà a dover restaurare l’antico Monastero dell’Arcangelo.
Tra mistero e fede, Erik si scontrerà con ipocrisie e violenze per scoprire l’amore per la bella Alessandra, la maestosità di una natura selvaggia, ma consolatrice e una lupa che, ai margini delle vicende umane, sarà giuda ed esempio per superare le difficoltà.

Recensione/Prefazione

Un antico monastero fra i monti, un luogo ascetico, calmo e isolato, carico di segreti del passato, ma denso anche di vita presente, e una lupa, un animale selvaggio, un essere fatto di istinto e saggezza che a volte sembra trascendere la sua stessa essenza, senza mai scadere nel sovrannaturale, ecco i cardini fondamentali per un romanzo dai mille colori, trattato con mano ferma eppur lieve, dalle sfaccettature poliedriche e dai tanti risvolti. “Il Monastero dell’Arcangelo” ruota intorno alle vicende di Erik, giovane architetto sfiduciato e quasi cinico, il cui compito è quello di ricostruire, insieme ad un gruppo di restauratori, parte dell’antico monastero ancora in uso. E all’ombra del monastero, in un villaggio dall’apparente aria cupa e sonnolente, ma dalle nascoste trame, in una girandola di situazione diverse, la vita di tutti cambierà, proprio grazie all’arrivo dello “straniero”, che metterà alla luce ipocrisie e sofferenze, guarendo anch’egli dalle ferite del proprio passato. Man mano che si scorre nella lettura, ciò che sorprende è proprio la figura della lupa, che a volte quasi come essenza protettrice o chiarificatrice, aiuta Erik a comprendere se stesso, a confrontarsi con gli altri e forse persino a ritrovar la gioia di vivere. La natura non viene divinizzata, ma esalta Dio stesso, come quei monaci pieni di umanità e di Fede, che aiutano a superare le vicende a volte traumatiche e dure che permiano la storia. L’autrice però non è mai cruda nel trattare temi forti, ma li bilancia con la stessa poesia con cui descrive i luoghi. Un racconto fresco, una storia che è avventura, dramma, giallo ed introspezione… Un incontro speciale, come quello del protagonista con la lupa, che resta nel cuore!

Intervista all’autrice: “Navigare” nel fantasioso per una professoressa – Intervista a Rosalba Bavastrelli

Contatti: Pagina Facebook

Estratti:

“Capitolo I
Erik scese col suo passo elastico e lento giù dal sentiero verso la valle, che gli appariva bruna là in fondo, dove i ghiacciai da cui proveniva non riflettevano la luce del sole. Era una bella, gelida mattina di Gennaio quella in cui s’era svegliato nel letto di Rose, che non si era affannata neanche a preparargli una tazza di caffè. Il loro saluto era stato un vicendevole sorriso e basta. L’aveva lasciata nuda e scarmigliata ancora tra le coltri. Non era un granché la “bella” Rose, anche se bella appariva agli occhi di tanti al villaggio. Tanti, che l’avevano gustata. Aveva voluto provarci anche lui, e non gli aveva lasciato niente dentro. Rose amava gli uomini e gli uomini si sentivano lusingati. Erik scosse il capo, rimproverando a se stesso quel gusto amaro e incuriosito di volerli imitare. Non era da lui fare ciò che facevano gli altri ma, in quel periodo, si sentiva soffocare dalla noia. Noia e inquietudine. Non si rimproverò a lungo, non era nella sua indole.”

****

“Il lupo gli apparve dinnanzi all’improvviso, sul poggio dove un cespuglio d’erba, inaridito dal gelo, fremeva al vento che veniva su dalla foresta. Vicino, su quel poggio, l’animale lo sovrastava.
Erik si immobilizzò senza staccare gli occhi da quelli avidi del lupo. La bestia selvaggia ringhiava, un ringhio sordo e costante. Era magnifica nel suo pelo bianco e grigio, a rade chiazze color arancio. A Erik parve grande e maestosa, così bella da non incutergli alcuna paura. Acquattato, coi muscoli tesi, il lupo continuava a fissare il giovane uomo immobile sul sentiero, là in basso. Era una femmina affamata e doveva avere dei cuccioli, pensò Erik. Anche isolata dal branco l’avrebbe attaccato. Ma continuò sereno a ricambiarne lo sguardo, così diverso da quello del suo cane, di ogni cane… Occhi grigi e spietati che non conoscevano altro che un sogno di ferocia.”

****

“La lupa sollevo il muso a fiutare a lungo i nuovi odori. Li riconosceva. Su, su per la foresta essi si moltiplicavano, erano odori di vita nuova, richiami antichi…
Volse la testa la fiera superba all’essere piccolo che non sapeva ancora cacciare. Il cucciolo le ruzzolò tra le zampe e, accucciato, pronto a scattare nel gioco, guardò la madre. Non era ancora il tempo di unirsi al branco, di galoppare lassù dove l’uomo raramente arrivava, verso le nevi eterne. Occorreva restare.
Con un’agitazione diversa guardò dal suo poggio la valle. Nei suoi occhi grigi passò il ricordo di un verde luminoso, come in sogno risentì il suono dolce di parole umane, urgenti, incantate… Con una zampata rovesciò il suo cucciolo nel gioco che s’aspettava, brontolò verso di lui che aprì le fauci mostrando le piccole zanne che sarebbero divenute forti come le sue. Occorreva restare”

****

“Il colpo di fucile fu vicinissimo. Udì un guaito e si volse, inorridito e attonito. Il suo cuore batteva forte mentre il suo cervello registrava che la lupa e i lupacchiotti non c’erano più, che erano sfuggiti a quell’infamia. Si guardò intorno con rabbia e dolore a cercarlo, il vigliacco. E lo vide. Willie, appostato dietro un albero, dalla parte opposta del sentiero, aveva fallito il suo bersaglio.
I lupi… o lui?… pensò per una frazione d’istante. Non faceva differenza.
Si slanciò oltre il viottolo, s’arrampicò sul pendio, agilmente, con la velocità di quel proiettile. Mentre l’uomo si volgeva appena per fuggire, lo afferrò per una spalla, lo girò a sé e gli sferrò un pugno con una violenza tale che Willie volò all’indietro, cadde di spalle e rotolò oltre un lieve pendio d’erba. Erik non vedeva dove fosse finito ed avanzò. Un urlo roco ed un ringhio, dalla ferocia a lui sconosciuta, rallentarono il suo passo un istante, poi egli accorse e vide.
L’uomo era a terra, con la lupa a fauci spalancate su di lui. Erik provò un senso di gelo, il brivido di una caduta senza fondo. Non s’accorse neanche di aver cominciato a parlare:
-Lupa… Lascialo, lupa. –
Che faceva? Che credeva? Che la lupa gli obbedisse?
Vinse l’assurdità di quel pensiero. Lo scacciò da sé, come un qualcosa che lo inibisse. Riacquistò freddezza e fermezza. Era illogico, eppure non restava che quello.
Si avvicinò a passi lenti. Mai così volontariamente vicino alla lupa, si fermò.
-Lascialo – ripeté, calmo, il suo ordine.
La lupa continuava a ringhiare forte, gli occhi negli occhi di Willie, il vigliacco, le fauci sul suo collo. Tutta la foresta e la valle sembrarono ad Erik rimbombare di quel rumore tremendo. Eppure, non l’aveva ancora azzannato, aveva drizzato le orecchie alle parole del giovane che sentiva vicino, al suono conosciuto di quelle parole, ora più determinato.
-Lupa, non ne vale la pena. Lupa, lascialo. Lascialo a me. –
Che voleva l’uomo che portava il cibo da lei? Perché parlava ora?
Dolcezza o incanto… Malia o amore… o cosa?
La lupa volse il capo verso Erik. Smise di ringhiare. I suoi gelidi occhi incontrarono quelli color della giada e ricolmi di tenerezza, dolci e determinati. Era lo stesso sguardo che affascinava Alessandra, ma Erik non lo sapeva. La lupa guaì, ululò brevemente. Saltò via dal corpo dell’uomo. Sotto quello sguardo che la incantava, si allontanò dileguandosi. Non era ferita, pensò Erik.
Si chinò allora su Willie in preda a tremiti convulsi, lo afferrò al petto e lo sollevò con rabbia.
-Cammina, vigliacco. Torniamo al villaggio. Ti ci porto io. Tutti dovranno sapere della tua vigliaccheria… –
Lo spintonò in avanti. L’uomo ricadde, si rialzò.”

****

“L’alba era ancora un timido chiarore fra le nubi quando il fuoristrada di Erik ripassò sul ponte malconcio, attraversando il torrente, un’ora prima rispetto al giorno avanti. Tetro, avvolto ancora dalle nebbie del primo albore, il monastero apparve al giovane, subito, ben diverso da come l’aveva visto assieme a padre Peter. Da così lontano, non si notava che la massa scura e massiccia di fortezza. Non era visibile il loggione che l’ingentiliva né il portale rinascimentale. Si scorgeva, però, l’ala franata, quel muro portante, gravato da chissà cosa, che era rotolato giù nella scarpata assieme ad una parte di convento e di montagna. Là, gli alberi e i cespugli ne custodivano i pezzi, più o meno sbriciolati.
Erik si disse perché mai ad un architetto dovesse importare il segreto di quella parete e di ciò che aveva contenuto, tanti secoli prima. Un altro, al posto suo, avrebbe fatto spazzar via i detriti e disegnato il progetto di un muro ben più solido, con contrafforti posti su di un basamento tale da sopperire allo smottamento. Senza inutili indagini. Un altro. Perché lui no? Sospirò osservando le nebbie spostarsi dal convento, al soffio improvviso del vento. La luce aumentava, ma il sole non appariva ancora. C’era un silenzio profondo sullo spiazzo dove i freni della sua auto sulla ghiaia sembrarono sollevare un’attonita ribellione dal suolo stesso e dalla natura attorno. Qualche cornacchia gracchiò, come offesa e si alzò in volo.
Erik scese dal fuoristrada e rimase qualche istante a guardarsi in giro: i frati erano svegli senz’altro, ma intenti in preghiera e gli “ospiti” dormivano ancora. Nulla comunque attestava vita oltre le spesse mura che avevano il colore dei secoli. Decise allora di ispezionare, per quel che si vedeva, il mistero di cui non riusciva a liberarsi. Raggiunse, istintivamente rispettando per come poteva quel silenzio arcano, il fondo del dirupo tra gli alberi e, con lo sguardo al suolo, cercò intorno a sé tra i conci più o meno grossi, nella rovina che l’uomo quasi rassegnato all’inevitabile, per secoli non aveva levato né ispezionato. Le zone d’ombra erano vaste laggiù, ma la luce del giorno s’insinuava, attesa e gradevole più che mai, a permettergli una pur superficiale ricerca.
Di cosa, poi? Ci sarebbero voluti gli esperti d’arte del convento. Sarebbero venuti, lo sapeva, ma più tardi. Perché stava facendo quell’ispezione inutile? Per se stesso, si rispose. Per l’incanto che il mistero del passato esercitava da sempre su di lui. Il passato, la natura. Forse e sorrise tra sé, la stessa spinta gli aveva fatto rispettare l’appuntamento con la lupa! Respirò più profondamente l’aria pura e fredda, alzò lo sguardo e si immobilizzò stupito: poco più avanti, là dove gli alberi si facevano più radi e sterpi anneriti di polvere si piegavano al suo passo, Alessandra cercava come lui. Vestiva un cappottino chiaro, aperto a permetterle più agili mosse. Pantaloni scuri e movenze lievi da fata, là nel segreto più segreto.
Il sole d’un tratto accese il bosco di calda luce ed anche i cocci sparsi di un mondo morto parvero prendere vita. Belli come stelle, gli occhi di lei si volsero al suo richiamo, un lieve timore nel volto bianco e perfetto quasi da bimba, non da dea crucciata. Il suo petto ansimò.
-Mi hai fatto paura. – sussurrò con parole che parvero remote – Che fai qui, a quest’ora? –
-Quello che fai tu. Cerco. – rispose il giovane col suo stesso tono basso.”