Estatico tramonto

06

Viandante
che dormi
nei passi lenti
della luna,
senti
la mia voce,
che fluttuando
attraverso le nubi
in un estatico tramonto,
intrappola
in mura di cristallo
la frenesia
di un sogno da realizzare…
Ascolta
dentro di te
l’albeggiare del mattino
come spiga
che irrompe nell’asfalto…
Ed è un sussurro…
un canto solitario
nel deserto.

Maria Stella Bruno

Annunci

Una saga fantasy/avventura…

infinito7

“Il Sigillo del Drago Infinito” è una saga fantasy/avventura che non tratta i soliti personaggi del genere. Niente elfi, niente orchi, maghi, fate, ecc… Il drago del titolo è un sigillo. E’ una storia fantastica ambientata in un luogo diverso, un medioevo alternativo, alla base della quale c’è la ricerca di un mitico libro di profezie… La saga è disponibile in ebook ed composta di due soli volumi:
– “I Custodi dei Frammenti” I volume
– “La Spada e il Drago” II volume
Un’avventura fantastica, un viaggio tra mistero e intrighi, una lotta contro il tempo per impedire che un pericoloso libro di profezie venga ritrovato e aperto.
Emozioni, misteri, colpi di scena in una saga che è una girandola di avventure e lotte senza tregua sempre più coinvolgenti… Non perdetevi questo viaggio!  😉
https://mstellabruno.wordpress.com/pubblicazioni/dove-compare-i-miei-romanzi/

Emozioni irripetibili

553984_10151211423107722_109768394_n.jpg

Catturerò melodie
fra le pagine
di un vecchio diario
per cercare
emozioni irripetibili…
Fantasia e realtà
saranno concetti arbitrali
come fuochi di mare
scanditi
da gocce di pioggia…
Afferrerò
i colori dell’alba
per chiuderli in uno scrigno
come gemme preziose…
Mi troverò
al confine del mondo,
solo per ammirare
l’ignoto…
e dipingerò le mie mani
di cielo
per sorprendermi
con l’infinito.

Maria Stella Bruno

Il Sigillo del Drago Infinito

Il sigillo del drago infinito2

– “I Custodi dei Frammenti”, I volume de “Il Sigillo del Drago Infinito”

Un’avventura fantastica, un viaggio tra mistero e intrighi, una lotta contro il tempo per impedire che un pericoloso libro di profezie venga ritrovato e aperto…

autore: Maria Stella Bruno

Edizioni il Pavone 2012

ISBN: 9788896425381

Trama: “Safav è l’unico sopravvissuto del suo villaggio, distrutto da un esercito senza bandiera, e, desideroso di vendetta, parte in cerca di risposte e informazioni. Ajhall è un marinaio, scanzonato e molto furbo, che sembra quasi attirare i guai. Inoha è un giovane irruente e temerario che freme all’ombra del padre, Partaf, cavaliere di AlbaNotte.Le loro vite si intrecceranno ed insieme scopriranno quale grande pericolo incombe sul mondo conosciuto. La brama di potere di un solo uomo minaccia la pace e la stabilità. Phalaha, detto il Corvo Nero, infatti ambisce a riunire i sette frammenti di una chiave che apre un libro di profezie pericoloso e, per impedirglielo, Safav, Inoha e Ajhall vivranno numerose avventure. E fra lotte, intrighi e tradimenti viaggeranno per il mondo imparando a conoscere anche se stessi, in uno scontro senza respiro fra chi ha ideali e chi possiede solo la brama di conquista…

Dove comprarlo:

– “La Spada e il Drago”, II volume de “Il Sigillo del Drago Infinito”

Le emozioni, i misteri, i colpi di scena aumentano in una girandola di avventure e lotte senza tregua sempre più coinvolgenti…

autore: Maria Stella Bruno

Edizioni il Pavone 2013

ISBN: 9788896425503

Trama: “La Torre AlbaNotte, sede dei Cavalieri, è caduta in mano nemica. Sembra non esserci più speranze per Inoha e Safav ed il frammento di chiave che posseggono. Xema, ultimo cavaliere rimasto in vita, li sostiene e li guida facendo loro quasi da maestro. Ma Phalaha è molto potente. Non teme nessuno ed è pronto a conquistare anche la torre dei saggi, GiornoStella. Non è solo nella lotta per la conquista del libro, anche Ofena, spietata cacciatrice di taglie, trama nell’ombra per ottenere il potere supremo: la conoscenza del futuro. E mentre Ajhall, per conto del re di Nuluon, cerca la perduta mappa per la foresta di Amixia, mitico nascondiglio del famoso libro, con il suo amico Konphìe, Inoha si trova ad affrontare la battaglia più dura, quella contro se stesso. Diviso fra il desiderio di vendetta e quello di giustizia, saprà scegliere quale via prendere?

Domatori senza fiere

fantasy

Nel canto
desolato di luna
germogli di sole
come
domande cadute
nella pioggia
del pomeriggio…
Siamo domatori
senza fiere
nella continuità
perpetua
del tempo.
Sonate antiche…
Giochi lontani…
Sono giorni bui
con speranza
di notti lucenti.
Siamo candidati
a nuova luce,
ma anime
senza riposo.

Maria Stella Bruno

Come Ulisse

veliero

Spiega le vele al vento
seguendo sogni lontani…
Doma le onde di
un’antica tempesta…
Approda in spiagge
sconosciute solo per
gustare il sole di
un altro paese…
Vai, marinaio,
il momento è giunto!
Insegui una tigre nel
vento…
Lotta con passione
nell’incedere della vita
perché
la passione che lotta
vive.

Maria Stella Bruno

La pagina ufficiale de “Il Sigillo del Drago Infinito! ^_^

banner sdi

E’ nata la pagina ufficiale della saga d’avventura “Il Sigillo del Drago Infinito”. Immagini, novità, recensioni, questa  pagina di Facebook è dedicata ad una saga fantasy/avventura che non tratta i soliti personaggi del genere. Niente elfi, niente orchi, maghi, fate, ecc… Il drago del titolo è un sigillo. E’ una storia fantastica ambientata in un luogo diverso, un medioevo alternativo, alla base della quale c’è la ricerca di un mitico libro di profezie… C’è chi lo brama per ottenere il potere, c’è chi vuole che esso non venga mai trovato…Emozioni, misteri, colpi di scena in una saga che è una girandola di avventure e lotte senza tregua sempre più coinvolgenti. Non perdetevi questo viaggio!  😉

https://www.facebook.com/IlSigilloDelDragoInfinito

Scrivendo…

Dal mio nuovo romanzo:

“Pochi istanti, ed un bagliore rossastro illuminò l’ambiente. Una allegra fiammella danzò sopra lo stoppino di una candela, rivelando i visi di chi era in quella misera stanza dagli arredi tarlati e quasi inesistenti. Le pieghe del viso della vecchia, che aveva parlato, vennero colpite in pieno dalla giovane luce che mise, quasi in una malevole carezza, in risalto il volto incartapecorito della donna curva sotto il peso dei suoi stessi anni. Doveva vederci poco perché portava ogni oggetto al viso, quasi a contatto col naso, oppure usava le mani stesse per distinguere le cose. Infatti, per avere conferma che la voce di uomo che aveva udito fosse realmente di colui che ricordava, dopo aver posato la candela su un misero sgabello, aveva iniziato a passare le sue dita sul volto di Athas. Egli la lasciava fare il suo esame, necessario per averne l’aiuto.”

^_^

Incredibile!

Incredibile! Ma possibile tanta incompetenza? Tanti favoritismi pure se sei un malato al pronto soccorso ed aspetti solo che ti diano un’occhiata? …Ecco la storia: mattina qualunque, mia zia esce e fa l'”errore” di cadere. Persone gentili la soccorrono e chiamano per lei il 118 quando si accorgono che non può muovere il braccio… Bene: ecco la prima attesa… l’ambulanza… Tre quarti d’ora, un’ora? Vabbé, pensi, c’è il traffico, chiamate più urgenti, forse… Infine, quando ormai disperi, arrivano e la portano all’ospedale. Il dolore c’è ed è forte, ma dopo averla “classificata”, la fanno aspettare in una saletta fredda e in perenne corrente (cosa a cui nessun malato dovrebbe essere sottoposto, perché potrebbe avere la febbre, ecc.). Alle infermiere rare che passano non gliene frega niente della persona che aspetta e alle domande che fai non ti rispondono. Non dicono neanche che “codice” sei, roba da semafori, ma “guardano e passano”… Ore… Da mezzogiorno ad ora (17.45) è ancora al pronto soccorso senza che un medico si sia degnato di dare un’occhiata alla spalla sempre più gonfia. Il dolore è aumentato, anche il senso di disperazione, di rabbia, di impotenza… Perchè infine si scopre che sei un “codice verde”, ma sei sempre l’ultimo dei codici verdi… Ma se è normale, giusto, che venga visitato prima un codice rosso o giallo, trovo INSPIEGABILE che persone giunte dopo di te, classificate col medesimo colore, ti scavalchino improvvisamente. Ed ecco la fine della storia, una storia che non ha fine, poichè lei è ancora lì, una storia forse non nuova, ma che mi fa indignare, che mi fa venire voglia di urlare… Cosa deve fare mia zia? Tornare a casa col braccio sempre più gonfio ed il dolore a 1000 oppure pernottare in quella saletta fredda e in corrente sperando che qualche medico abbia infine pietà? …Ah, dimenticavo… mia zia soffre di epilessia. Lo si è detto e dimostrato con tanto di certificazione. Risposta con tono indifferente: “Deve aspettare il turno. Se le viene un attacco, la curiamo.”…. Siiiiii, come ci credo! … A voi l’ardua sentenza…

Aggiornamento situazione: verso le 18.30 mia zia è stata finalmente visitata. Altro che codice verde! Ha una frattura che forse richiede il ricovero ed una eventuale operazione!!!